• Pubblicata il:
  • Autore: OSCAR CH
  • Categoria: Racconti orge
  • Pubblicata il:
  • Autore: OSCAR CH
  • Categoria: Racconti orge

TRIANGOLO O PENTAGONO? – parte 2 – Bellinzona (Svizzera)

Giocavamo con una bambola vera e sensuale per risvegliare i nostri sensi, e sapevamo che ogni sera avremmo potuto trovarla calda e dispobibile nel nostro letto.
Tutti questi sforzi erano premiati dai piaceri che ci dava un corpo giovane e forte, un mix perfetto di femminilità e mascolinità. Maya rispondeva sempre meglio ai nostri desideri ed è entrata in gioco molto di più di quello che pensavamo sarebbe stata in grado di fare, obbediva ai nostri capricci sessuali, non importa quanto bizzarri o sporchi fossero.
Quella sera, il traffico infernale sul raccordo anulare mi ha fatto arrivare in netto ritardo al nostro appuntamento, e quando ho chiuso l'uscio dietro di me, ho sentito dei rumori provenire dalla toilette del piano terra. Ho gridato:
- Ciao tesoro, è già arrivata Maya?
- Sì.... aveva preso freddo e ci stiamo facendo un bagno bollente.... saremo fuori in 10 minuti...
Mi sono diretto verso la porta del bagno e, ricoperte di schiuma, le due ninfe abbracciate si godevano due bicchieri di champagne.
- Buona sera Oscar...
Ha detto Maya. La sua faccia senza trucco ed i capelli bagnati riflettevano un rossore che non era solo dovuto all'acqua calda, ma Gianna ha subito glissato sulla evidente reciproca masturbazione in corso.
- Scusa caro, stiamo qui altri 10 minuti per scongelarla e poi arriviamo. La cena è pronta, se hai molta fame, chiedi a Felicidad (la nostra donna di servizio) di serviti in anticipo. 
Mi sono chinato ed ho baciato entrambe sulla bocca.
- Rilassatevi pure con calma...
Mi sono sdraiato sul divano davanti al camino del salone e ho detto a Felicidad di aspettare. Non riuscivo a scacciare l'immagine di quei due corpi bagnati e nascosti sotto la schiuma. Percepivo le loro risate ed i loro dicorsi mentre uscivano dalla vasca da bagno e parlavano sottovoce.
- Non dirglielo...
- Ma figurati... a lui non importa nulla di questi dettagli...
Mi sono seduto ed ho iniziato a sospettare che qualcosa non andasse. Uno dei principi base dei nostri giochi era che esistevano delle regole, c'erano chiare linee di demarcazione e degli accordi che non dovevano essere violati, con le relative punizioni.
Vestite solo di accappatoio, coi capelli ancora bagnati, mia moglie e la nostra compagna trans sono arrivate in soggiorno. Sembravano così belle ed innocenti che pensavo di dover essere benevolo.

CONTINUA

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del nostro Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI