• Pubblicata il:
  • Autore: Piero Segafredo
  • Categoria: Racconti orge
  • Pubblicata il:
  • Autore: Piero Segafredo
  • Categoria: Racconti orge

ORGIA IN TRASFERTA

Ero in Sardegna per fare dei servizi fotografici, dovevo andare sette giorni ad Olbia e sette a Oristano per fare delle foto a delle ragazze in spiaggia per una grossa marca pubblicitaria…
La prima settimana fu normalissima, anzi molto stressante dal punto di vista lavorativo nonostante le ragazze a cui facevo le foto erano veramente molto molto belle e la cosa istigava molto il mio lato maiale…. Arrivai ad Oristano per i miei ultimi giorni di lavoro prima di tornare nel mio studio fotografico a casa, fu un' esperienza molto positiva, perché oltre a vedere e conoscere ragazze belle come modelle allargavo il mio pacchetto esperienza… Propio negli ultimi giorni ho conosciuto una donna che come me gli avevano commissionato dei book fotografici con le stesse ragazze, era molto professionale e fisicamente mi ispirava sesso sfrenato!!! Oltre a lei conobbi un ragazzo che faceva un po da tutto fare per il team che aveva organizzato questo evento, ci eravamo trovati, sembravamo quasi in armonia, nelle pause fumavamo sempre la segaretta in sieme e alle pause pranza ci mangiavamo un panino tutti insieme, fin che un giorno il ragazzo mi chiese se alla sera io e la mia collega andavamo a cena a casa sua a mangiare…. Arrivò la sera in questione, ci trovammo da lui e iniziammo a fare aperitivo mentre tra una chiacchera e un'altra psi cuoceva il pesce… tra e battute e gli sguardi si respirava aria di serata trasgressiva, lui istigava e lei rispondeva a tono ed io alimentavo le braci se così si può dire… Finalmente tutti a tavola e iniziammo a mangiare, eravamo al secondo e avevamo già fatto fuori quattro bottiglie e la serata diventava sempre più interessante… lei si stava lasciando andare e ci stava confessando che il suo sogno nel cassetto era avere un rapporto sessuale con due uomini insieme…. Io a sentire quelle parole mi ero già innamorato e più continuava la serata più le battutine erano spinte… Finito di cenare ci alzammo in piedi per fumare una sigaretta, nel mentre tra una scusa e l'altra iniziai a massaggiare delicatamente le spalle della mia collega, lei iniziò ad avvicinare il suo culetto al mio pacco ormai duro come il marmo fino ad arrivare ad appoggiarlo…. A quel punto la cosa era troppo esplicita e io iniziai a baciargli il collo fino dietro le orecchie mentre mi strusciavo spudoratamente, intanto l'altro ragazzo che era a sedere davanti a lei appena vide che le stavo alzando la minigonna di pelle e che non indossava le mutandine si alzò e si mise in gioco anche lui mettendosi dietro di lei mentre io intanto scivolai giù per terra in ginocchio davanti e con la testa in mezzo alle sue coscie…. Ormai nell'aria si respirava trasgressione allo stato puro, io con la testa tra le sue gambe che gli facevo un bel pigiamino di saliva e l'altro ragazzo dietro che si strusciava mentre come un polipo gli toccava il seno…. Avevamo iniziato un'avventura che sicuramente avrebbe lasciato il segno… Io avevo dato pieno sfogo alla mia fantasia e sembravo quasi un regista di film porno, eravamo solo in cucina e lei era gia piegata a pecora che mentre lo succhiava al ragazzo io la scopavo da dietro, provammo un po tutte le situazioni, addirittura tociavamo i piselli nei bicchieri di vino e poi ce lo facevamo succhiare…. La situazione era veramente bollente fin che decidemmo di andare in camera da letto per stare più comodi, anche li provammo tutte le posizioni immaginabili e vederla in viso mentre godeva mi faceva perdere completamente la testa, sentirla urlare di piacere mentre uno la scopava e l'altro se lo faceva succhiare era idilliaco quasi un sogno ad occhi aperti; la cosa andò avanti un paio di orette tra preliminari e posizioni troppo trasgressive, poi ci staccammo per una breve pausa, erano già le quattro quando lei chiese di fare un caffè, quini andammo in sala e mentre lui metteva su la moca io continuavo a scoparla come un martello pneumatico, devo essere sincero, avevo il fiatone e non ero pronto a tutte quelle ore di sesso selvaggio ma era un' occcasione che più tosto mi sarei fatto venire un infarto più tosto che fermarmi… Non mi era mai successo di fare sesso in tre, due uomini e una donna, quindi decisi di martellare fin che ne avevo…. Andammo avanti in sala sul divano fin che lei non disse basta!!! Non la biasimavo, tutte quelle ore perdere due piselli non era facile, ma nello stesso tempo pensavo a quanto stava godendo visto che pio dicono che l'orgasmo femminile è molto più intenso di quello maschile… io tutt'ora ci penso ancora a quella serata di trasgressione senza limiti, il volto di lei dopo ore di sesso, i suoi capelli sconvolti e sinceramente mi viene ancora duro, non mi capitò più una situazione del genere e sinceramente non la cerco neanche perchè molte volte se una cosa si fa sempre poi diventa fuktile, invece così rimane un ricordo unico ed esclusivo…!!!

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del nostro Sexy Shop e ricevi subito il 20% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI