• Pubblicata il:
  • Autore: DOTT. MAURO
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: DOTT. MAURO
  • Categoria: Racconti etero

IL PENE INVECCHIA? - 2^ parte

ASPETTO DEL PENE
Come anticipato nell'articolo precedente, l'aspetto del pene può essere modificato dallo scolorimento e dalla cicatrizzazione dei peli pubici. La perdita di colore della pelle è invece dovuta al fatto che, nel tempo, il corpo ridistribuisce il flusso di sangue ad altri organi più importanti. L'importanza del pene è massima negli anni riproduttivi, ma con l'invecchiamento non è più essenziale.  LE DIMENSIONI
La maggior parte degli uomini aumenta di peso, e buona parte dei chilogrammi acquisiti è depositata sull'addome. Perciò cambierà anche la dimensione apparente del pene, riducendosi. Apparirà più corto perché sarà coperto dal tessuto adiposo. Alcuni medici incoraggiano i pazienti di una certa età e peso a seguire una dieta solo per il semplice motivo che possono guadagnare 2-3 cm. di lunghezza del pene, perchè spesso tale motivazione li stimola più che ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.
Oltre a questo apparente e reversibile cambiamento che il paziente può controllare, un altro effetto sembra essere irreversibile in questo momento. La riduzione si verifica sia nella lunghezza che nella circonferenza del pene. Sebbene non sia drammatico, può comunque influenzare il modo in cui uomo percepisce il suo corpo, riflettendo anche sulle sue capacità sessuali in generale. La riduzione è apprezzata a partire dalle dimensioni del pene eretto, specialisti che apprezzano che se il pene è di 15 cm intorno ai 30 anni, molto probabilmente, dopo i 60 anni, misurerà 13-14 centimetri. 
Sembra che i meccanismi principali coinvolti nella riduzione della dimensione del pene siano due.
1) Il restringimento dei vasi sanguigni. Un organo insufficientemente infuso si modificherà in base all'apporto di energia e ossigeno. Il processo interessa tutte le arterie del corpo ed è responsabile della degenerazione di tutte le arterie coronarie. Per questo, il cambiamento che si verifica per l'arteriosclerosi, può influire direttamente sull'erezione. 
2) La comparsa di tessuto fibroso non elastico attorno ai corpi cavernosi.  L'erezione si verifica quando questi sono adeguatamente riempiti di sangue. Un blocco di qualsiasi tipo, che si verifica nelle arterie del pene significa un'erezione ridotta.
Non solo il pene, ma anche i testicoli iniziano a cambiare verso i 40 anni. Quindi, se all'età di 30 anni avevano un diametro di 3 cm, a 60 anni possono raggiungere i 2 cm.
Inoltre, se si accumula troppo tessuto cicatriziale o fibroso, il pene può cambiare aspetto anche assumendo curve non fisiologiche (malattia di Peyronie). Questo affetto si manifesta nell'età adulta e può influire notevolmente l'erezione, che diventa molto dolorosa ed ostacola la penetrazione.
La malattia di Peyronie si verifica nell'1-4% dei maschi adulti. La tunica albuginea (quella che circonda i corpi cavernosi) subisce un lungo processo di fibrosi e, se non si interviene precocemente, l'unica cira possibile è la chirurgia.
SENSIBILITA'
Il pene diventa meno sensibile alla stimolazione erotica e l'erezione può essere difficile.
CONCLUSIONI
Anche se i cambiamenti sono inevitabili, perchè fanno parte del processo di maturazione e invecchiamento, non tutto è perduto!
Un recente studio condotto negli U.S.A. su un gruppo di oltre 2000 uomini, ha dimostrato che, effettivamente, col tempo, si è verificato un declino della funzione erettile, della libido e della capacità eiaculatoria, ma la soddisfazione sessuale si è mantenuta in parametri relativamente costanti.
Va infatti notato che l'ingrediente più importante per una vita sessuale attiva è in realtà la capacità dei partners di venirsi incontro. Così come nella giovinezza, per provare piacere e raggiungere l'orgasmo, agli uomini ed alle donne anziani non occorre avere un pene o un'erezione da 20enne, ne' un seno o una vagina da pornostar

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del nostro Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI