• 18/10/2012
  • Autore: Dixno
  • 18/10/2012
  • Autore: Dixno

Mia moglie

Io e mia moglie eravamo in vacanza ad amsterdam , eccitati da questa città trasgressiva abbiamo deciso di recarci in uno swinger club. Appena entrati abbiamo subito notato la presenza di molti maschioni di colore ed abbiamo capito il tema della serata, a mia moglie brillavano gli occhi, ma si sforzava di rimanere indifferente........ dopo qualche bicchiere, al bar, eravamo nudi su di un letto. Mentre mia moglie, che e`una fantastica pompinara, me lo succhiava due negroni si sono avvicinati al nostro letto e rimanevano li in attesa di un cenno.....anche mia moglie li noto`e con fare discreto posiziono`il suo bel culo a cosce aperte verso loro e succhiava il mio cazzo fino a farlo sparire in gola, anche il ritmo si faceva semore piu`frenetico e la sua testa sembrava una trottola impazzita.
A questo punto basto`solo un cenno con gli occhi e i due cominciarono ad accarezzarla e baciarla ovunque, uno da dietro gli allargo`la fica e la comincio` a penetrare con due dita, ma siccome era bagnata fradicia, la maiala, gli spinse dentro tutta la mano e la muoveva prima piano e poi sempre piu`veloce, mia moglie emetteva gemiti di piacere sempre piu forti, l`altro tiro`fuori il suo cazzo, che era veramente enorme, e lo avvicino`alla sua bocca, la troia non si fece pregare ecomincio`a succhiare quel cazzo enorme che gia`con la cappella gli riempiva la bocca.
Quello da dietro ormai era riuscito ad entrare con la mano nella fica di mia moglie e ,su mia richiesta tiro`fuori la sua grossa asta comincio` a scoparla alla pecorina, mia moglie aveva ungrosso cazzo nero che la sfondava da dietro e uno in bocca che succhiava come una ninfomane, io ero eccitatissimo nel vedere come la troia veniva sbattuta con foza e come gridava di piacere e di dolore insieme. Sentivo che quello che stavo vedendo non mi bastava, cosi` mi affrettai a chiamare un atro nero.... ora erano in tre a sbattere la troia che aveva anche cominciato a gridare: sono una troia, una puttana, mi piace farmi scpopare da tre grossi cazzi neri, fatemi mele, sfondatemi, sbattetemi foooorteeee. I tre non si tiravano certo indietro, anzi, mettevano tutta la loro forza nel sentire che era la troia a volerlo sentire forte. La troia ora era alla pecorina con uno che la pompava e due che cercavano( riuscendoci) di mettergli due cazzi in bocca.Quello che la penetrava da dietro, visto la porca con due cazzi in bocca comincio`a sculacciarla a ritmo continuato tanto che ben presto il suo culo ea rosso fuoco.
Dissi a uno dei due, che mia moglie stava spompinando, di sdraiarsi pancia in su, lei gli sali`sopra e si infilo`tutta la lunghezza del suo cazzo nella sua fica che ormai sbrodolava di continuo menter quello che prima la preneva da dietro`provo`ad entrare anche la sua cappella nella fica. Dopo qualche tentativo ci riusci`e cosi`ora mia moglie si trovava con due cazzi enormi nella fica, uno da sotto e uno da dietro e uno in bocca , infatti il terzo comincio`a scoparla in bocca, si scoparla perche`con ogni colpo che dava il suo cazzo arrivava nella gola di mia moglie che piu`di una volta ha rischiato di affogarsi.
Era veramente eccitante vedere come quei tre negri sbattevano e scopavano mia moglie che e`veramente una troia ninfomane.
Il primo a sborrare fu quello che la prendeva da dietro, che tirato fuori il suo cazzo venne sulle sue natiche e sulla schiena. Il secondo a riempirla di sborra in bocca, faccia e tette fu quello che la porca spompinava, infine il terzo che era disteso sotto di lei, la giro`, la mise sulla schiena e le allargo`al massimo le gambe, gli appoggio`la sua enorme cappella sulla fica e comincio a fotterla con una foga inimmagginabile, quando anche lui era eausto tiro`fuori il cazzo e scizzo`la sua calda sborra sulla sua pancia che lei con le sue mani spalmava ovunque.
La troia giaceva distesa esausta e piena di sborra e di piacere, i tre la salutarono complimentandosi ancora con lei per quanto era stata troia e puttana e che aveva saputo tenergli testa per quasi tre ore.
Gli chiesi se le era piaciuto e lei con un cenno del capo e sottovoce disse:moltissimo anche se mi anno aperto come un`albicocca........
Dopo pochi attimi di silenzio dissi: ora girati troia che voglio romperti l`unico buco che non ti ho fatto fottere, perchè il culo al momento te lo sfondo solo io, senza nemmeno un goccio di saliva allargai il suo bel buchetto del culo e con violenza estrema le diedi un primo forte colpo tanto da farla gridare, poi un secondo e poi un terzo....e così via fino a quando sentii il mio piacere che le riempiva il suo bel culetto, quando anche l`ultima goccia di sborra era uscita tirai fuori il mio cazzo e con le dita allargai il suo buco che comincio`a far scorrere come un fiume tutta la mia sborra

Vota la storia:
29/10/2012 12:24

Franz

Ecco un'altro pallaro ignorante di merda. Questi racconti del cazzo inventati scrivili su uno specchio così puoi vedere anche la faccia dell'unico stronzo che ci crede, ignorante analfabeta

01/01/2013 10:45

fabio

ciao sono fabio mi piace incontrare mogliettine vivaci come la tua sforx@live.it

Cosa ne pensi? lascia il tuo commento!

Sono severamente vietati i commenti con:

  • numeri di telefono
  • indirizzi e-mail
  • indirizzi di abitazioni
  • link
Errore
Attendere prego

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!